Nuove immagini NASA dimostrano un nuovo impatto su Giove

Pubblicato il lug.21, 2009, in News Astronomia

Impatto su Giove

Impatto su Giove ripreso nel vicino infrarosso

20 luglio 2009

testo originale dalle news della NASA Jet Propulsion Laboratory

Gli scienziati hanno trovato prove del fatto che un altro oggetto ha bombardato Giove, esattamente 15 anni dopo il primo impatto con la cometa Shoemaker-Levy 9.

In seguito ad un suggerimento da parte di un astrofilo, l’australiano Anthony Wesley , che una nuova “cicatrice” era improvvisamente apparsa su Giove, questa mattina tra le 3 e le 9 am PDT (6 del mattino e mezzogiorno CEST) gli scienziati della NASA al Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, con la NASA Infrared Telescope Facility’s in occasione del Vertice di Mauna Kea, nelle Hawaii, hanno raccolto le prove che indicano un nuovo impatto nell’atmosfera gioviana.

Immagini Hubble - Cortesia NASA ESA

Immagini Hubble - Cortesia NASA ESA

Dettaglio della macchia scura

Dettaglio della macchia scura

Le nuove immagini a infrarossi mostrano il probabile punto di impatto vicino alla regione polare sud, con un visibile ovale scuro detto “cicatrice” e luminose  particelle che affiorano nell’alta atmosfera osservata alle lunghezze d’onda del vicino infrarosso, e un riscaldamento della troposfera superiore, con possibili emissioni di ammoniaca extra rilevata a metà lunghezza d’onda infrarossa.

“Siamo stati estremamente fortunati a osservare Giove al momento giusto,  per testimoniare l’evento. Non avremmo potuto fare meglio”, ha detto Glenn Orton, uno scienziato al JPL.

Orton e il suo team di astronomi si è messo al lavoro nelle prime ore del mattino e non hanno mai interrotto il monitoraggio del pianeta. Si tratta di scaricare i dati e stiamo lavorando per ottenere ulteriori immagini da questo e altri telescopi.

Giove nll'infrarosso

Giove fotografato nell'infrarosso

Questa immagine è stata presa a 1,65 micron, una lunghezza d’onda sensibile alla luce solare riflessa dall’alta atmosfera di Giove, e si vede sia il centro luminoso della cicatrice dell’impatto (in basso a sinistra) e il materiale espulso e ricaduto nell’atmosfera poco più in là a nord-ovest dell’ovale (in alto a sinistra).

“Potrebbe essere l’impatto di una cometa, ma non sappiamo ancora per certo”, ha detto Orton. “È stato un turbinio di un giorno, e oggi sorprendentemente è l’anniversario dell’impatto su Giove della Shoemaker-Levy 9 e l’allunaggio dell’Apollo 11“.

Leigh Fletcher, un borsista postdottorato presso la NASA JPL che ha lavorato con Orton nel corso di queste ultime osservazioni ha detto: “Vista la rarità di questi eventi, è estremamente eccitante essere coinvolti in queste indagini osservative. Queste sono le osservazioni più interessanti che ho fatto nei miei cinque anni di studio su i pianeti! “

Le osservazioni sono state rese possibili in larga misura dallo straordinario sforzo del personale presso l’Infrared Telescope Facility, compreso l’operatore al telescopio William Golisch, che ha prontamente posizionato i tre strumenti per l’osservazione durante il breve periodo di tempo che la “cicatrice” è stata visibile sul pianeta, fornendo una ampia copertura di lunghezze d’onda.

Altre fonti della notizia:

Post sul JPL Blog di Glen Orton

http://www.universetoday.com/2009/07/23/new-image-of-jupiter-impact-in-infrared/

http://www.universetoday.com/2009/07/20/jupiter-impact-confirmed/

http://www.newscientist.com/article/dn17491-jupiter-sports-new-bruise-from-impact.html

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • Wikio IT
  • Live
  • MySpace
:, ,

Rispondi

Cerca articoli

Scrivi qui sotto la parola che cerchi: